sabato 29 luglio 2017

EDILIZIA SOSTENIBILE e INTERREG (WORK IN PROGRESS)

PROGETTIAMO ASSIEME LA RIVOLUZIONE EDILIZIA
(a tutti i Partner, e coloro che vogliono candidarsi, chiedo di apportare il vostro contributo, definendo la vostra AREA e SETTORE in cui riportare le innovazioni di vostra competenza), inviando una mail a segreteria@laboratoriosostenibilita.ch .



Il settore edilizio richiede una completa rivoluzione: nei materiali, nell'intero ciclo produttivo, nel rapporto con l'ambiente, nel fabbisogno energetico, nel rapporto con i suoi utenti, nelle relazioni con le comunità e le società che lo circondano, nonchè la mobilità.

I nuovi edifici devono divenire degli "ORGANISMI", come scrivevo nel mio libro "Energie Rinnovabili e Domotica".




Grazie al progetto INTERREG SHH@H (Social Housing Healt at Home), saranno realizzati due interventi, in territorio italiano e svizzero, dai quali la rivoluzione edilizia può avere inizio in concreto.
In realtà, INTERREG SHH@H, ed i progetti correlati (SAAB in materia di alimentazione e BOSCHI 4.0) non sono altro che una primissima, fase preliminare, in quanto il tema del progetto mira, nel medio periodo, allo sviluppo di sistemi integrati e replicabili di realizzazione di aree abitative che migliorano il benessere degli utenti, della loro mobilità e della connessione con l'ambiente, nel massimo rispetto della sostenibilità. Innovazione che coinvolgerà anche il mondo della produzione e delle loro filiere applicative (rivenditori specializzati, installatori), coinvolgendo ogni Stakeholder, in ottica Industria 4.0.

Descrizione sintetica dell'idea progettuale

Ci si propone di mettere a punto e dotare le unità abitative di tecnologie atte a rendere confortevole la qualità della vita dei suoi utenti. In particolare si considerano i soggetti transfrontalieri e le utenze deboli, quali anziani e diversamente abili, prevedendo la connessione dell'edificio a strutture sociosanitarie italiane e svizzere.

Obiettivo generale del progetto è il miglioramento della “qualità della vita” di persone/famiglie sia con “aspetti di difficoltà” che senza particolari problemi, attraverso soluzioni che garantiscano la maggiore autonomia possibile all’interno del proprio ambiente.

Questo, grazie anche alla possibilità di fruizione di una molteplicità di servizi di comune utilità, oltre a quelli dell’assistenza sociosanitaria e, più in particolare di natura medica, dai semplici aspetti di consulenza fino alla gestione dei pazienti affetti da patologie croniche.

I vari servizi faranno riferimento ad un Centro che possa svolgere tutte le azioni di coordinamento dell’assistenza (dai bisogni base fino all’interpretazione del medico specialista). La piattaforma tecnologica diventa il nucleo intorno al quale si raccolgono le informazioni sul cittadino, provenienti da sorgenti eterogenee, capaci di fornire informazioni di natura differente (clinica, abitativa, ambientale, comportamentale, etc.) dalle quali partire per proporre servizi/soluzioni idonee alle sue necessità e alle sue aspettative.

Affinché questa visione si concretizzi, è necessario che tali infrastrutture siano orientate a supportare politiche assistenziali sempre più configurate e configurabili come servizio al cittadino/paziente, efficaci sia da un punto di vista clinico sanitario che da un punto di vista di gestione e ottimizzazione delle risorse. È altresì necessario che anche nel settore e-Health si compia un definitivo passo verso architetture a servizi, aperte a tutti gli standard del settore, in modo che possano cooperare non solo sistemi a supporto dei diversi ambienti di cura, ma anche sistemi eterogenei, tali da inglobare gli aspetti personali, sociali ed ambientali che interessano il processo assistenziale del cittadino/paziente.

Sono previste attività di sviluppo tecnologico, indirizzato all'integrazione di tecnologie e l'applicazione sperimentale, finalizzata all'infrastrutturazione dell'edificio, che diverrà anche oggetto di comunicazione e divulgazione dei risultati.

Un intervento reso possibile grazie all'applicazione di trasformazioni anche radicali in corso da anni nel settore edilizio che, in questo progetto, saranno integrate attraverso la realizzazione dei contenitori delle tecnologie e servizi di Interreg SHH@H, tramite la riprogettazione di due interventi edilizi:

ITALIA (progetto apportato dal Partner Pitagora)



SVIZZERA (progetto in valutazione)

 

   

















Rendere l'edificio un ORGANISMO al servizio degli utenti, necessita di una corretta progettazione e gestione, ed esige l'uso dei materiali a più basso impatto ambientale e di tossicità, anche elettromagnetica, oltre a garantire sicurezza sismica, e naturalmente tutti gli accorgimenti di sicurezza e rispetto dell’ambiente.

Nel progetto INTERREG SHH@H intervengono una pluralità di Partner, alcuni direttamente ed alcuni a supporto indiretto del progetto, tutti impegnati da anni nello sviluppo di tecnologie e materiali.

Di seguito vengono riportati gli attori coinvolti in questo progetto, e nel processo di innovazione, schematizzati per AREE e SETTORI:

AREA AMMINISTRAZIONE E COORDINAMENTO PROGETTO
- Laboratorio della Sostenibilità - Business Processing Engineering Sagl - Paradiso (Svizzera)
- Novareckon srl, Spin off Accademico dell'Università del Piemonte Orientale - Novara (Italia)
             
             SETTORE DIVULGAZIONE
- Mediaconsult SA - Lugano (Svizzera)
Un ruolo di particolare rilievo avrà la comunicazione sui media del progetto, sia al momento del suo decollo che in corso d’opera ed ovviamente nei momenti chiave di concreta realizzazione e completamento. La comunicazione oggi svolge una funzione che travalica gli obiettivi d’informazione e visibilità, ma ha raggiunto una fase in cui i media da Persuasori occulti, per citare la nota opera di Vance Packard, sono diventati convincenti persuasori, trasparenti e penetranti in maniera massiccia, capillare e pervasiva. A questo si aggiunga che, ove gestita con competenza, esperienza e visione, la presenza sui media conferisce credibilità e autorevolezza al soggetto/progetto di sui si scrive e parla. Con una campagna di comunicazione ragionata e misurata, secondo il costume e il modus operandi di Mediaconsult SA, definita dal Corriere della Sera la più autorevole agenzia in Ticino, il Progetto potrà acquistare un ‘peso specifico’ particolarmente consistente, pur proporzionato alla sua realtà di fase sperimentale, che si tradurrà in benefici di notorietà e di marketing anche per i vari Partner coinvolti.

AREA COORDINAMENTO TECNICO e DIVULGAZIONE
- Sviluppo Chimica Spa - Milano (Italia)
  • coordinamento delle Imprese produttrici di materiali innovativi per l'edilizia, interessate a essere coinvolte nel Progetto. I contatti saranno portati avanti grazie anche a Federchimica, Federazione Nazionale dell’Industria Chimica;
  • divulgazione delle attività di Progetto, relative ai materiali innovativi per l’edilizia.
- associazioni e società di coordinamento e supporto
- commercialisti/consulenti impegnati nel coordinamento delle attività di innovazione delle aziende edili ed industriali italiane

AREA PROGETTAZIONE EDILIZIA
             SETTORE TECNICO
- Politecnico di Milano
             SETTORE PROGETTAZIONI LOCALI
- studi tecnici impegnati nel collazionamento delle info su interventi e coinvolti nella sperimentazione dei sistemi BIM, dei materiali e tecnologie oggetto degli interventi SHH@H
            
             SETTORE BIM e PROGETTAZIONE

             SETTORE BIG DATA
- Università degli Studi di Genova
supporto  per la messa a punto di metodologie e tecnologie per l’analisi dati e l’estrazione delle
informazioni dai Big Data.
- Big Data Tecnologies, Milano (Italia)


AREA SERVIZI SOCIALI
            SETTORE PROGETTAZIONI
-
            SETTORE STRUTTURE EROGAZIONE SERVIZI SOCIALI
-

AREA EDIFICAZIONE
- Politecnico di Milano

AREA TECNOLOGICA
             SETTORE SANITA'
- Università degli Studi di Milano Bicocca
"Area della datascience a scopi di situation assessment in medicina 4.0.".
- EF, startup innovativa fondata da ricercatori universitari che opera nell' innovazione
in Medicina 4.0", Cinisello Balsamo (Italia)
wearable device per il monitoraggio a distanza delle persone, siano essi anziani che pazienti cronici
    1) sensori ambientali (edificio):
                Sensori di temperatura e umidità
                Sensori di passaggio (per varchi)
                Sensore apertura porte e finestre 
                Sensore audio: sensore di rilevamento del suono vocale
                Sensore di pressione atmosferica 
                Sensori infrared di movimento 
                Sensore di flusso di massa d'aria
                Sensori di pioggia
                Sensori di pressione plantare (sto su una sedia su un letto, passo su un tappeto)
    2) sensori indossabili (persona)
                sensore frequenza cardiaca 
                sensori pressione atmosferica (altitudine differenze tra piani) 
                sensori inerziali
                sensori elettromiografici 
                sensori plantari (da mettere nelle scarpe)
                sensori temperatura corporea.

AREA OPERATORI EDILI
             SETTORE EDILI IN AREA INTERREG
-
             SETTORE EDILI TERRITORIO ITALIANO
-
AREA INTERVENTI APPLICATIVI
             SETTORE INTERVENTI IN AREA INTERREG
-
             SETTORE INTERVENTI TERRITORIO ITALIANO
-
             SETTORE INTERVENTI TERRITORI INTERNAZIONALI BASATI SU SHH@H
-